Alpi4000

Prima la video:                                            strava                deutsch


Certo, lo Stilfser Joch dopo quasi 1500 chilometri nelle gambe non è molto facile, ma alla fine mancavano anche i chilometri di proseguimento a piedi sui 48 tornanti che avevo in mente prima di partire. Ma iniziamo 132 ore prima …

Alpi4000 … nelle settimane precedenti con sentimenti contrastanti, Hermann ed io oraK800_20180722_070102 finalmente siamo alla partenza a Bormio con quasi 500 ciclisti ad aspettare il nostro turno, attrezzati per 140 ore, cioè 5 giorni e 20 ore. Davanti a noi un grande “otto” attraverso il nord Italia, Svizzera e Francia, oltre 1500 chilometri e circa 20.000 metri di dislivello. Impressionante!

Giorno 1 (247 km/ 3600 m)

Tappa 1: Passo Bormio-Bernina (57 km/2051 m)K800_20180722_102616a
Alle spalle di Bormio si fa seria, si sale al Passo Foscagno, poi attraverso il Passo Eira si arriva al Passo del Bernina. Ancora con gambe leggere superiamo le montagne e attraversiamo il confine con la Svizzera. La prima stazione di rifornimento mi fa battere il cuore più forte: albicocche, fragole e pizza, tra le altre cose.

Tappa 2: Passo del Bernina – Chiavenna (72 km/ 316 m)
Ora si tende a scendere per molto tempo attraverso l’Engadina.
In mezzo al fantastico paesaggio montano si snoda un treno rosso, il Bernina Express, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, sembra un modellino di ferrovia. La barriera si chiude davanti al nostro amico e me. Ulrich pensa che possiamo ancora proseguire. Lui K800_20180722_123918già… non me… Entrambe le barriere sono chiuse davanti a me, il treno fischia dietro di me… A quattro zampe striscio sotto. Superato. Anche se di solito sono una ciclista piuttosto prudente, mi butto in discesa in modo che il conduttore del treno non mi prenderá e mi rimproverá. Ora si passa davanti a luoghi nobili come Pontresina e St.Moritz. Attraversando quattro laghi, con un falsopiano rapidamente si raggiunge il Passo del Maloja. E la discesa successiva in Val Chiavenna è spettacolare. Il posto controllo qui è ben attrezzato, c’è la pizza e anguria, deliziosa!

Tappa 3: Chiavenna – Laveno (118 km/ 1263 m)
Anche se la prossima tappa è annunciata come „agevole“ – le piccolK800_20180722_151319e salite nella calura pomeridiana mi consumano. Fortunatamente percorriamo i primi chilometri su piste ciclabili lungo le rive del lago di Mezzola. Poi continuiamo su strade abbastanza trafficate. Raggiungiamo il Lago di Como, poi il Lago di Lugano. Quanto sarebbe bello un tuffo nell’acqua fresca. Vedere il trambusto vivace dei molti bagnanti sulle spiagge è crudele. Ci si chiede se abbiamo scelto il giusto tipo di vacanza. Non sarebbe molto più bello comodamente in spiaggia su una sdraio con un bel libro? E dopo lasciarci coccolare in albergo? Via con questi considerazioni demotivanti. Ora sono qui! L’ho voluto cosí. E quanto noiosa sarebbe l’alternativa a lungo termine. Facciamo una pausa gelato in un paesino. Un altro lago, il lago di Muzzano e poi siamo già sulle sponde del Lago Maggiore. Qui mio fratello voleva stare come „tifoso“ con la sua famiglia. I tre erano rimasti sul ciglio della strada per tre ore nel caldo cocente – solo per unK800_20180722_200138a breve abbracciata con una ciclista sudata. Pomodori e acqua passano di mano. Aiuto da persone esterne – squalifica?? Poi dobbiamo purtroppo continuare – a Laveno e lí prendere il traghetto attraverso il lago. Incontriamo Lorenzo che fa il tifoso. Abbiamo prenotato un albergo sulla riva opposta. E ‚ancora relativamente presto e io non riesco a dormire – il solito problema. Intorno alle quattro del mattino partiamo di nuovo.

 

2° GIORNO (280 km/3900 m)

Tappa 4: Laveno-Biella (92 km/ 1170 m)
Alle tre e mezza siamo già in sella. Guidare senza traffico nella notte calma è benessere. Dal Lago d’Orta in poi ci sono alcune rampe. Durante le discese è abbastanza fresco. Sono un pó stanca. Colpi di sonno mi vengono. Dopo la pausa cappuccino incontriamo Carla, Carmine e Aniceto. I tre pedalano velocemente. Fino a Biella poco emozionante, purtroppo al buio non avevamo visto il bel panorama sul Lago d’Orta.

Tappa 5: Biella – Venaria Reale (88 km/700 m)

Uno sguardo alla sistemazione e servizi igienici e sono sicura che non voK800_20180723_094314a1levo scegliere pernottamento ai posti di controllo. Come le persone civilizzate possono lasciare un posto in questo modo?  Ci rafforziamo con il cibo: È lo stesso degli ultimi controlli: Insalata di riso freddo, pasta o salumi, waffers e un delizioso cioccolato fondente. Il percorso si snoda ora su alcune colline di morene glaciali ai piedi del gruppo del Gran Paradiso. Gli ultimi chilometri percorriamo lungo un muro infinito. Ha 35 km e comprende il Parco La Mandria, costruito dai Savoia, oggi parco naturale e Patrimonio dell’Umanità. Il checkpoint si trova nel cortile della Reggia di Venaria, una delle più belle residenze sabaude. Ma non c’è niente di più che controllo… Suppongo che siamo tra gli ultimi e tranne acqua e cialde e cioccolato esaurito tutto? Ma ci dicono che tanti si sono ritirati giá a Biella e abbiamo ancora una centinaia di perone dietro di noi. Cibo, alla toilette, un’altra bevanda, un pó di crema solare. Hermann: „Hmmhmm… ora siamo di nuovo fermi da tanto tempo…!“, che significa: „Gabi, sbrigati!  Ricordo tuttavia che è necessario collegare nuovamente il dispositivo Garmin alla centrale USB e poi finalmente -via!

Tappa 6: Venaria Reale – Lanlesbourgh (100 km/ 2100 m)

Fino ad ora tutto era solo una scaramuccia preliminare, ora diventa davvero grave. Il piccolo gruppo di Carla ci raggiunge e percorriamo insieme i primi 50 chilometri in Val di Susa. Come in molti punti della rando, questa valle attraversa l’antica e attuale Via Francigena. Il monastero Sacra di San Michele domina in alto su di una collina, in una costruzione simile ad un castello. Si dice che abbia ispirato Umberto Eco a scrivere il suo romanzo “Il nome della rosa”. Non posso godere i dintorni così tanto, perché è insopportabilmente caldo, non c’è nemmeno una piccola brezza fresca.K800_20180723_173934d

Infine, nel fondovalle di Susa riempiamo le nostre vasche vuote con coca, yogurt da bere, Kefir e pesche. Deliziosi dopo giorni quasi infruttuosi. Giorni? È solo il secondo, ma sembra così lungo.
Ora dobbiamo salire sul Passo Alpino del Monte Cenis. A Novalesa purtroppo non vedo l’abbazia che un tempo fa ospitava Carlo Magno. Penso già ai prossimi chilometri, infinitamente difficili. Gli organizzatori hanno escogitato qualcosa di molto speciale: invece di prendere comodamente la strada principale, la prima parte attraversK800_20180723_193904ca la vecchia strada per il paese di Moncenisio, con poco traffico, ma i vari tratti con pendenza superiore al 15%  affaticano le nostre gambe giá un pochino stanche. Il percorso successivo prosegue lungo la strada statale ed è più agevole. Vedo una diga da lontano. Ah, presto saremo al piano di sopra. Malinteso! Fino all’altezza del passo la strada sembra ancora infinita. Ma la vista sul lago del Mont-Cenisio e le montagne circostanti vi farà dimenticare tutti i nostri problemi. Ho sempre la scusa di fermarmi e di scattare delle foto. Hermann è giá piú avanti. Impaziente? Il tramonto bellissimo. Al crepK800_20180723_203123uscolo raggiungiamo il paesino francese Lansleburgh. Qui avevo già prenotato un albergo per noi, Carla, Aniceto e Carmine per qualche ora di sonno tranquillo.

3° GIORNO (251 km/4750 m)

Tappa 7: Lanslebourgh-La Thuile (101 km/2850 m)

Questo tratto è estremamente faticoso per i suoi due passi, ma fantastico dal punto di K800_20180724_050304vista paesaggistico. Dormito alcune ore intorno alle quattro del mattino siamo ripartiti. Guidare fuori dal buio nel crepuscolo ha il suo fascino molto particolare. Il viaggio lungo il fiume Arc è abbastanza tranquillo. Mi sono svegliato bene quando improvvisamente una macchina correva fuori dalla valle a ben oltre i 100 km/h, suonando continuamente il clacson. Per precauzione guido un metro nel prato. Che pazzo! Bonneval sur Arc, un grazioso villaggio alpino, da qui sale aK800_20180724_065312l Col d’Iseran. Sui primi metri verso l’alto vedo di nuovo la macchina nel fondovalle. Meik mi dirà più tardi che ha lasciato la linea di fuoco solo saltando nel fosso all’ultimo secondo… 15 curve con una vista spettacolare e l’alba sulle montagne circostanti fanno quasi dimenticare le estenuanti salite al passo. Nella discesa verso la Val d’Isère sono contento del mio piumino leggero e dei guanti da windstopper. Dalla Val d’Isère si scende attraverso gallerie e tunnel oscuri. Pavimenti molto male, cioè buchi proK800_20180724_065932fondi, adornano la strada per chilometri e chilometri, diverse auto dietro di me mi costringono a guidare il più a destra possibile. Sto rallentando. Improvvisamente vedo un mucchio di sabbia alla luce della mia lampada. Rallento, la ruota anteriore si scava nella sabbia e io perdo il controllo della mia bici. La decisione deve essere presa in pochi secondi: O cadere a sinistra e terminare sotto una macchina o a destra. Decido e botto contro il muro del tunnel. Fortunatamente, mi sono fatto strada con una sola mano ammaccata e un enorme spavento – e giK800_20180724_074822bnocchia tremanti. Hermann sta già aspettando in basso con uno sguardo di rimprovero – dove rimani? Avanti. Quando Hermann se ne va, io lo chiamo, che qualcosa gli pende dalla sua borsa. Non sente niente. Un po‘ più lontano dalla valle vedo qualcosa di nero sulla strada. Cos’é? Freno, scendo e torno indietro, per fortuna non c’è traffico al momento. È la fascia di mio marito. Alla prossima occhiata incolpevole di Hermann posso trionfalmente tenere in alto il nastro. La corsa orrore attraverso la Val d’Isère è finita ad un certo punto, anch’io passo il bivio e devo tornare indietro di mezzo chilometro in salita. Non ci si pK800_20180724_103015aermette altro, ahahaaaa. Siamo già sulla prossima salita, cioè sul Passo del Piccolo San Bernardo. I passaggi iniziali più ripidi mi diverto con un audiolibro. Ho lasciato Hermann dietro di me in modo che non avrebbe dovuto pignorare di nuovo. Qualcosa mi preoccupa che molti ciclisti e non solo con gli e-bike mi sorpassano. Ma non hanno nemmeno numero di partenza e nessun bagaglio e quindi probabilmente gambe fresche. Allora cos’è questo? Una chiesetta bianca con grandi puntini in rosK800_20180724_104317a? Divertente. Un po ‚più in alto la strada ha circa 100 metri di rivestimento nello stesso colore rosa. C’é scritto su di esso: La Rosière. Aha! Recentemente, il Tour de France è passato qui. Mi sto prendendo una pausa caffè. Hermann passa, non ha voglia di caffè e  coke. Ancora qualche chilometro di piacevole salita e sono in cima al Passo del Piccolo Bernardo. Hermann è già in attesa, questa volta non con uno sguardo incoK800_20180724_120159lpevole. La discesa a La Thuile su un nuovo manto stradale è un piacere. Di tanto in tanto intravedo il massiccio del Monte Bianco. I ricordi ritornano all’UTMB, l’Ultra Trail Montblanc, che ho fatto anni fá. Erano i giorni senza “sedia a rotelle”.

Tappa 8: La Thuile-Biella (150 km/1900 m)

La Thuile si trova in una valle laterale della Valle d’Aosta, quindi i primi chilometri sono in discesa rapida. Poi, nonostante una leggera pendenza, diventa un po‘ faticoso, perché il caldo è accompagnato da un forte vento contrario. Il percorso segue il ciclabile K800_20180724_214032Francigena fino al Castello Bard in fondo alla valle. Una volta ho lasciato la pista, perché ho scoperto un bar, Hermann non lo accorge e continua. È la prima volta che l’ho perso in questi giorni – chi ci conosce ora ride, perché è noto che noi ci perdiamo anche giá metri da casa nostra … Velocemente mangio un gelato e cambio qualche parola con dei ciclisti dell’Alpi, poi seguo mio marito come una buona moglie dovrebbe. Presto lo rivedrò, lo sorpasserò e vorrei che rimanesse nella mia scia. Ma lui continua a lasciarsi cadere indietro. Sguardi rimproveranti ora da parte mia. Ci fermiamo in un supermercato:  gelato, cola, kefir, yogurt e due pesche. Soffro giá di mancanza frutta. Metto le due pesche nel sacchetto di carta insieme alla banana che ho preso al punto di controllo e lo attacco sulla borsa. Hermann brontola che porto indietro tantissima roba inutile … Poco prima di Biella ora di nuovo una sorpresa: invece del modo più veloce per il checkpoint sale ripidamente. Ho lasciato andare Hermann e mi fermo a una fontana. Riempio le bottiglie e soprattutto mi bagno spruzzandomi le gambe e le braccia, la testa, … Cosí il caldo è quasi sopportabile. Poi mi ricordo di chiamare la signora del B&B Toscana a Biella. È disponibile una camera, ma io non posso promettere che saremo a Biella prima delle undici. Che stress. Aumento la velocitá. Quando raggiungo Hermann lui si lamenta dicendo una cosa del genere: „Al nostro ritmo non arriveremo mai a Biella…“. Mobilizzo tutte le mie forze e lo sorpasso e via. Trovo Andrea F. Il tempo passo piú veloce chiacchierando. Vuole pernottare in un hotel a Biella e fa una telefonata per vedere se c’è ancora posto. Purtroppo no. A un certo punto si imbocca in una strada sterrata lunga circa tre chilometri. Terreno per mountain bike. Siamo fortemente scossi sul passaggio sassoso. Rallentamento e Hermann mi sorpassa perché devo scattare delle foto. Piú tardi suggerisco di fare una piccola pausa. Vorrei mangiare la pesca e darne una generosamente Hermann. Ma dove sono le mie pesche e la metà banana? Intrappolati negli elastici della borsa rimane solo il sacchetto di carta vuoto, un grande buco nella parte inferiore … questo deriva dalla avarizia … Stupida che sono.

Sta lentamente facendo notte, abbiamo quasi raggiunto l’altezza e dobbiamo ancora percorrere alcuni chilometri. I miei molteplici calcoli rendono sempre più chiaro che dobbiamo passare la notte nel temuto checkpoint di Biella, perché dopo le undici non oso più chiamare il B&B. Raggiungiamo Monte Oropa, il più importante santuario mariano delle Alpi e patrimonio culturale dell’umanità. A quanto pare stiamo facendo un tour in bicicletta cultura. Oropa è anche conosciuta come la luogo d’arrivo del Giro d’Italia. Quindi siamo anche sulle tracce delle gare grandi di ciclismo. Dall’alto parlo con la signora del B&B che dico che fra poco saremo lí. Un po‘ esagerato. A rotta di collo ci affrettiamo verso Biella. Per fortuna la strada è in buone condizioni. L’abbiamo fatto! Quasi mezzanotte, ma andiamo ancora a prendere il bag drop nel punto di controllo. Ora le cose calde non servono piú. E poi buona notte!

PS: Il giorno dopo raccontai a Carla la storia delle pesche perse, lei rideva e diceva che le aveva viste distese sullo sterrato insieme a una mezza banana. (ahahaaaaa)

Giorno 4 (301 km/500 m)

Tappa 9: Biella-Pavia (127 km/229 m)

Al mattino presto, è ancora buio, riportiamo le bag drop, preparo un panino, lo metto K800_20180725_061322 nella borsa del manubrio e esco da Biella per entrare nella Pianura Padana, che attraverseremo tutto il giorno verso est. Carla e gli amici ci raggiungono, guidiamo insieme per un po‘. Poi rimango indietro piú volte per scattare delle foto. Proseguiamo da risicoltura a risicoltura. Bello. Vicino a Vercelli pausa caffè. Vorrei mangiare anche il mio pane. Non c’è più. Hermann ricorda di averlo visto già alla prima rotatoria. Prosciutto e formaggio spalmati sull’asfalto. Merda! Che sono sfortK800_20180725_062500unata!

Proseguiamo attraverso i campi. Poi su pista ciclabile lungo il Ticino. Attraversiamo il fiume a Pavia sull’antico ponte coperto, ha due portali e una cappella al centro. Sono leggermente sopraffatti al checkpoint. Non c’è quasi più niente da mangiare. Waffers e cioccolato. Oh si, dopo qualche tempo un piatto di pasta. Siamo stati immobili per troppo tempo di nuovo.

Tappa 10: Pavia-Piadena (111 km/ 216 m)

Vedo sempre indicazioni “Via Francigena”. Questa antica strada collegava il nord Europa con Roma. Ma non voglio a Roma vorrei a Bormio … Ma vorrei dimenticare questo pezzo di strada verso Cremona. In retrospettiva ho la sensazione che innumerevoli volte di essere sfuggito al pericolo di essere investito da un camion o semirimorchio. Il traffico intorno a Cremona è terribile. Per fortuna c’è un leggero vento in contrario, in movimento ha una piccolissima funzione di raffreddamento. Per sfuggire al caldo facciamo pausa in un supermercato. L’aria fredda dentro ci colpisce. Yogurt, kefir, il solito. Vogliamo mangiare all’esterno. La porta si apre e ho l’impressione che qualcuno abbia aperto la porta del forno. Rapidamente entriamo di nuovo nel supermercato. La cassiere sembra sospettoso. Ma meglio che bruciarlo fuori. OrK800_20180725_165000a attraversiamo i campi su strade agricole a traffico limitato e su piste ciclabili lungo la strada. Hermann esce sempre dalla scia e io lo guardo con lo sguardo di rimprovero. Vedo Carla, Aniceto e Carmine. Andiamo insieme e compiamo buoni progressi. Peccato che Hermann non ci segue. Nel prossimo controllo dovró aspettarlo sicuramente …  Sulla strada incontriamo un ciclista giovanissimo con una borsa enorme. E‘ Paolo. Ha solo 19 anni. BravissimoK800_20180725_170751! Raggiungiamo Piadena. Solo attimi più tardi arriva Hermann. Come ha fatto? Senza vantaggio di scia. Complimenti! Il checkpoint si trova in un fresco cortile. Ciao!! Qui incontro Giovanna. Siamo viziati da un gruppo di giovani simpaticissimi. Presto c’è il tempo di ripartire per arrivare a Pieve di Coriano prima del buio. Le sistemazioni sono tutte completi. Sarà la prim

notte in dormitorio?K800_20180725_180645

Fase 11: Piadena-Pieve di Coriano (80 km/133 m)

Questa tappa è molto bella. Per primo percorriamo le rive del fiume Oglio. Si attraversa l’Oglio poco prima della sua foce nel Po su un ponte delle barche, di cui restano pochissime. Proseguiamo ora sulla ciclabile del PK800_20180725_195246_001ao. Superando San Benedetto Po, vedo un cartello che indica un B&B. Entriamo in paese e chiediamo la gente che é in giro. Il bed and breakfast „A casa dell’antiquario“ si trova in una bellissima villa. Nel frattempo, però, è già buio. Non c’è piú nessuno. Una telefonata e i proprietari sono così gentili di darci ancora alloggio. Mille grazie!! Cosa avremmo fatto senza camera? La villa è arredata con stile, in quanto proprietari sono anche galleristi. C’è un bellissimo cortile in cui si poteva rilassare. Purtroppo dobbiamo partire di nuovo presto, con solo una piccola colazione. I chilometri restanti passano in fretta anche se con tante stop per scattare foto dell’alba.

K800_20180725_195246_001d

K800_20180725_195246_001e
GIORNO 5 (270 km/ 2600 m)K800_20180725_204233a

Tappa 12: Pieve di Coriano-Monte Borghetto (86 km/ 330 m)

Pedaliamo lungo il Po e il Mincio fino a Mantova. Passiamo i laghi e attraverso la riserva naturale del Parco del Mincio. Da qui in poi conosco quasi ogni curva. Frequentemente ho pedalato qui. Naturalmente è un po‘ esagerato. Si dovrebbe avere più tempo per visitare i bellissimi borghi medievali di Valeggio e Borghetto sul Mincio e come il Ponte Visconteo. Il checkpoK800_20180726_073737int di Valeggio sul Mincio è meraviglioso.

Fase 13: Valeggio sul Mincio-Tremosino (86 km/1300 m)

Da qui non si percorre la pista ciclabile del Mincio, ma si prosegue attraverso la campagna fino a Desenzano. All’inizio la tappa è abbastanza trafficata. Come sarà la Gardesana piú in su dove sono le gallerie? Sono già abbastanza nervosa. Poi si pedala intorno alla penisola verso Saló e qui è più tranquillo. Da Saló K800_20180726_105227asi gode di un fantastico panorama sul lago e anche sulle cittadine lungo il percorso, con le loro belle ville che distraggono dalla fatica e dal caldo. Un stop gelato a Toscolano-Maderno: Gelateria Azzurra verso il molo dei traghetti. E poco dopo di nuovo una pausa a un supermercato, non ci si concede altro: Yogurt, Kefir e… due pesche. Avarizia pre-programmata da parte mia … di nuovo: I due pesche lego in modo sicuro, viaggiano più sicuri come i loro fratelli e (lo preannuncio: viaggiavano… attraverso lo Stilfser Joch fino a Bormio per la prima colazione – ahaaaaaaha). Poi vengK800_20180726_110847aono le temute gallerie. Lì le auto sono trattenuti al semaforo per un po‘ e cosí posso guidare quasi senza paura. È anche piacevolmente fresco. Ma il calore all’ incrocio per Tremosine colpisce pienamente. E il caos del traffico è l’ideale per noi ciclisti: le auto di entrambe le direzioni si inceppano quasi sulla strada stretta quando cercano di passare l’una all’altra. Nel momento in cui il pasticcio si rompe, saremo giá in alto. Vista mozzafiato e poi ci immergiamo nella frescura del profondo canyon deK800_20180726_110847bl torrente Brasa. A Pieve c’è una fermata obbligatoria alla terrazza del brivido per firmare sul tabellone „noi dove siamo qui…“. Diverse centinaia di metri verticalmente sotto la terrazza si trova il lago. Davvero brividi. Ancora qualche chilometro di salita non molto seria a Vesio, mi aspettavo che fosse molto più faticosa … spero che sia anche cosí al passo Stelvio. Bene, lo sapremo il giorno dopo.

Tappa 14: Vesio-Spormaggiore (81 km/ 2032 m)

Sono molto contento di poter scendere a Limone e non fare la stradK800_20180726_145223ba in salita. Le pendenze mi sembrano superiori ai 15%. Dopo Limone possiamo pedalare sulla pista ciclabile aperta di recente, che sembra essere incollata alle pareti rocciose. Costruzione spettacolare. La pista ciclabile che porta a Sarche ci fa ridere … ma solo adesso dopo la rando. Come giá detto Hermann ed io siamo conosciuti per il fatto che ci perdiamo spesso quando andiamo in bicicletta, a volte anche a pochi metri da casa nostra. Ad Arco torno di nuovo di cercare qualcos, a frugare in borsa forse solo per avere una scusa di fermarmi. Hermann decide di continuare. La pista ciclabile sale leggermentK800_20180726_151249e lungo il fiume Sarca. Nessun problema. Dopo minuti lo seguirò. C’è una fontana sulla strada. Di nuovo fermata. Arrivata a Sarche dove finisce la pista ciclabile non posso vedere Hermann. Io sono un po’ irritata, avrebbe potuto aspettare qui. Così risalgo la strada per raggiungere rapidamente la ciclabile della Gola della Sarca. Qui incontro  alcuni ciclisti, ma non Hermann. Ora questo mi sembra un po‘ strano. Guardo sul cellulare. Aha, un messaggio su WhatsApp: „Sono sulla pista ciclabile, non ha senso tornare indietro, proseguo“. AK800_20180726_151420nche io sono sulla pista ciclabile. Una telefonata porta alla soluzione: Hermann è ancora sulla pista ciclabile nella valle. Non potevo immaginarlo. Mi ha aspettato da qualche parte per 40 minuti. Da qualche parte l’ho sorpassato senza vederlo. Piú tardi sento che lui ha seguito la ciclabile io invece solo la traccia che in un punto ha abbandonato la ciclabile. Erano solo 200m.  Questo può accadere solo a noi. Quindi lo sto aspettando. Ma c’è anche una cosa positiva nella mia pausa forzata: ora cerco un posto dove staK800_20180726_170839(0)re di notte, perché sono già le 7,30. Si doveva arrivare a San Lorenzo poco prima del Lago di Molveno, al più tardi alle nove. Stress puro. Cosa ci pensi, chiedo a Hermann, che possiamo fare i pochi chilometri di salita in breve tempo? Anche Jürgen si unisce a noi. Vuole curare un po’ il suo sedere ferito …. un po ‚di tempo libero nel bellissimo albergo San Lorenzo ci fa bene. Tutte le forze si sono mobilitate e noi ce la faremo. I proprietari del Hotel San Lorenzo sono molto gentili e cortesi che ci servono anche la cena a tarda ora e dopo un limoncello si cade a letto per una breve notte di riposo. Dopo una piccola colazione ci si siede di nuovo in sella intorno alle quattro e mezza. Molto bello girare intorno al lago di MK800_20180727_050534olveno all’alba e presto si raggiunge Spormaggiore.

6° GIORNO – ultimo giorno? (170 km/ 3980m)

Tappa 15: Spormaggiore-Fischteich Schlanders

Prima c’è una discesa al Val di Non. Non mi piace quello che segue. Fino alla ciclabile molto traK800_20180727_060102affico. Si sale al Fondo. Da qui in poi conosco davvero ogni pietra fino al traguardo. Durante il tragitto incontro alcuni ciclisti che si sono messi a loro agio per un pisolino lungo la strada. Un collega non è stato così prudente: curva davanti a noi in linee serpentine, improvvisamente guida a destra nella ghiaia sul lato della strada, si rovescia sulla strada, si alza e continua. Secondo me doveva dormire un po‘. Anche il Passo Palade è facilmente raggiungibile e vi permette di rilassarvi durante la discesa verso Merano. Dopo la breveK800_20180727_074900 ripida salita da Lagundo sotto il sole cocente del mattino, i chilometri verso il laghetto sono inaspettatamente facili: abbiamo il vento a favore. Chiacchiero con Werner e il tempo passa. Da Theresia al laghetto „Brugg“ siamo accolti calorosamente come al solito, anche se non è una vera risata per Theresia: penso che abbia dormito ancora meno nelle ultime due notti di quello che abbiamo noi … La pasta favolosa come al solito.

Tappa 16: Schlanders-Stilfser Joch-Bormio (58 km/1975 m)

Poco dopo raggiungiamo Prato allo Stelvio e ora sta diK800_20180727_140155ventando molto serio. Poco dopo Prato ho un incontro divertente: un giardino pieno di pietre dipinte e di tutti i tipi di spazzatura. Voglio scattare una foto. Sto mettendo i freni, tirando fuori il mio cellulare. Improvvisamente dall’altra parte della recinzione appare una persona con grembiule e cappello di feltro e tiene la mano davanti al mio obiettivo. No, vietato fotografare! A meno che non salto un euro. Lui, l’artista, ci ha lavorato per 40 anni. Continuerò senza dire una parola. Sulla mia salita passo alcuni „cadaveri di ciclisti“. Non sarebbe male sdraiarsi lì e fare un pisolino, ma poi sarei sulla strada ancora più a lungo e al passo ancora più tardi. E non voglio nemmeno pensare alla discesa a freddo, perché avevo lasciaK800_20180727_175247to le mie cose calde nella bag drop. Sto tirando fuori la mia arma segreta, che mi spinge almeno fino a metá strada a Franzenshöhe: Il mio audiolibro. È fenomenale! Ogni pochi giri, ci sono un totale di 48, mi permetto un breve stop. Per scattare una foto, bere, mangiare, frugare in tasca… o mi viene in mente qualcos’ altro. Anche Meik e Jürgen soffrono verso l’alto. Quindi, se tutti non sono più così in forma. Vengo sorpassata di ciclisti „normali“, ma non mi sento di accelerare. Sergey mi sta passando come giá diverse volte. Ma non posso fare a meno che meravigliarmi: sta guidando un Fixie! Non riesco a uscire di nuovo dal mio stupore. Senza ingranaggi. Come si fa a gestire il passo Stelvio o a salire sul Passo Montcenisio? Incredibile. Un grande ragazzo, come ho sentito vuole partire due giK800_20180727_201059borni dopo alla TCR N06, la gara ciclistica che si svolge attraverso tutta l’Europa. Mi piace l’audiolibro e la vista. Ma la cima Ortles mi sta minacciando. È una montagna che, nonostante il suo fascino, mi spaventa in qualche modo per qualsiasi motivo. Sento un tuono. Sto accelerando di qualche chilometro all’ora. Sopra di me sono cresciute nubi scure. Temo niente di più che un temporale in montagna. Hermann, mi aspetta alla Franzenshöhe. Insieme proseguiamo. Solo altri 20 serpentine, quasi un conto alla rovescia. Fortunatamente, le nuvole si sono allentate. Ancora qualche foto e ci siamo! Carla ci accoglie. Il gruppetto Carla, Carmine e Aniceto hanno finito piú di un ora prima di noi. Impressionante. Alcune foto scattate e le esperienze scambiate con altri Randonneur e quaK800_20180727_201059dsi dimentico l’ultimo timbro. Poi la discesa verso Bormio. Mi metto tutti i vestiti che trovo nella mia borsa: una maglietta supplementare, una seconda camicia da ciclismo, una giacca a vento sottile, una giacca a pioggia e tremo lo stesso. Seguo a Hermann. Due scatti fotografici … sono di nuovo in ritardo … Hermann: „Dai! Dove sei di nuovo? (Senza di me forse sarebbe arrivato molto prima … Ma senza di me adesso non esisterebbe la video della nostra Alpi4000!!)

Sono contento, ma con un piccolo rimpianto: ora è finito con le Alpi4000, con i paesaggi di grande bellezza, con l’esperienza condivisa con il marito, con i colleghi ciclisti, con i vecchi colleghi e con quelli nuovi, con le aspettaK800_20180727_203812tive, con le incertezze, con gli imprevisti. Le sensazioni sono così varie…

Conclusione: Alpi4000 N01 è ora storia.

Il brevetto è estremamente duro, ma a causa delle regolari e confortevoli pause per dormire ogni mattina sono tornata in bici relativamente riposata e ho pedalato con gioia nell’alba. Il mio segreto per sopravvivere una cosa del genere è non pensare oltre fino alla sera successiva. A mio parere pedalare cosí è anche più sicuro. L’eccessivo affaticamento probabilmente porta a incidenti. Diversi partecipanti si sono già ritirati dopo le prime tappe. Sovraffatticamento? Le esigenze sono molto elevate, ma fattibili se si riesce a gestire con le proprie forze. E se arrivi la meta con 10 ore in piú o in K800_20180727_201059fmeno, non c’è gallo che si affievolisce. E ‚importante arrivare e farlo in modalità feel-buon. La scelta del percorso è fantastica, ci sono innumerevoli bellezze naturali e culturali lungo il percorso, ma ci sono anche diverse tappe molto trafficate che li eviterei se potessi farlo. Meglio alcuni chilometri in piú che rischiare la vita. Perché i semirimorchi e i ciclisti stanchi  non sono compatibili.
Molte grazie a tutti i volontari ai posti di controllo per il loro sostegno. Alcuni di loro sono rimasti nella mia memoria grazie al personale motivato e molto gentile e all’ottimo cibo. Ma bisogna considerare che non solo noi ciclisti siamo troppo stanchi, ma anche i tanti volontari che ci hanno accompagnato per giorni senza dormire. Grazie un milione per avermi fatto sperimentare questo!

urkunde.jpg

 

Advertisements